Navigation

Una super insalata sulle tavole svizzere

tvsvizzera

Le due principali catene della grande distribuzione si apprestano a mettere in vendita i primi cespi di produzione elvetica cresciuti in idrocoltura

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2016 - 20:35

I primi cespi di insalata svizzera cresciuti in idrocolture arrivano nei piatti. I due principali distributori nazionali di alimentari si apprestano a mettere in vendita le verdure delle aziende elvetiche che per prime si sono lanciate nella produzione senza terra convinte che sarà la risposta alla riduzione del suolo agricolo.

A rompere il ghiaccio tra poche settimane sarà la Coop, poi seguirà anche la Migros. La prima, anticipa la NZZ am Sonntag, metterà in vendita la verdura dei fratelli Meier che a Dällikon (ZH) hanno realizzato un'idrocoltura di 3'000 metri quadrati. Vi crescono cespi misti, formati da tre insalate. La seconda sarà rifornita dalla Trachsel che a Oftringen (AG) ha una struttura ancora più grande.

In Giappone, dove la tecnica idroponica si è diffusa da anni, una fabbrica di verdure vicino a Fukushima riesce a produrre 10'000 cespi di lattuga al giorno in 2'500 metri quadrati. Le piante, sistemate su 15 livelli soprapposti, non vedono neanche il sole. Ricevono la luce da migliaia di LED che le fanno crescere a una velocità doppia rispetto alle sorelle nella terra e all'aria aperta.

Diem

Il videoLink esterno 'Come cresce un'insalata hi-tech', e altre notizie, su www.rsi.ch/newsLink esterno

Markus Meier con la sua insalata high-tech lid.ch

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.