La televisione svizzera per l’Italia

Una lavoratrice su due ha subito molestie sui cantieri

Una manifestante di Unia con megafono e fischietto.
Le donne dell'edilizia chiedono tolleranza zero contro le molestie. KEYSTONE

Le donne del ramo delle costruzioni, aderenti al sindacato Unia, chiedono tolleranza zero e norme specifiche contro i comportamenti inappropriati sul posto di lavoro.

Riunite sabato in assemblea a Berna, le donne attive nel ramo delle costruzioni aderenti a Unia hanno rivendicato la fine immediata delle avances non gradite sul posto di lavoro.

Comportamenti inappropriati che si concretizzano, è stato denunciato, in barzellette sconce e commenti pesanti, fotografie di corpi nudi alle pareti o contatti fisici indesiderati.

Le richieste delle donne

In un comunicatoCollegamento esterno diffuso nel pomeriggio dal sindacato Unia, le rappresentanti femminili chiedono l’introduzione nelle aziende di specifici regolamenti, con l’indicazione di rigorose sanzioni, e la loro tassativa applicazione.

+ La dura realtà delle molestie sessuali negli ospedali

Le nuove disposizioni dovrebbero contemplare processi definiti in modo chiaro nell’eventualità che si verifichino molestie sessuali o mobbing, e dovrebbero prevedere collaborazioni con servizi specializzati esterni, formazione e sensibilizzazione del personale e dei quadri, nonché inserimento esplicito del divieto di molestie sessuali nei contratti collettivi di lavoro.

Inerzia dei datori di lavoro

“Ora dobbiamo definire misure concrete insieme ai datori di lavoro”, ha affermato Bruna Campanello, membro del comitato direttivo di Unia. “Essi devono sapere che hanno il dovere di agire” e “se non sono in grado di dimostrare che hanno fatto tutto il possibile contro le molestie sessuali devono assumersene la responsabilità”.

Insieme alle donne che lavorano nei cantieri, Unia ha lanciato una campagna per dare visibilità a questo tema che fa leva su una serie di adesivi rosa che le collaboratrici possono incollare sull’armadietto del collega molesto o sulla porta dell’ufficio del superiore troppo passivo. “Con gli adesivi, le donne contrassegnano il loro posto di lavoro come zona a zero molestie”, riferisce la nota dell’organizzazione sindacale.

Sondaggio promosso nel 2023

La presa di posizione segue l’ampio sondaggio promosso l’anno scorso da Unia, cui hanno partecipato circa 300 donne impiegate nell’edilizia, sulle questioni aperte che sono maggiormente avvertite in ambito lavorativo.


+ Nonostante le leggi, le molestie sessuali sul posto di lavoro restano frequenti

Oltre alle molestie e alle violenze a sfondo sessuale, le questioni che destano maggiore apprensione tra le impiegate nell’edilizia riguardano le condizioni igieniche delle toilette dei cantieri, la scarsa conciliabilità tra professione e vita privata e l’insufficiente protezione della salute.

Non flirt ma abusi di potere

Dall’inchiesta è inoltre emerso che la metà delle partecipanti ha riferito di avere già subito molestie e una donna su quattro ha affermato di essere già stata vittima di violenze a sfondo sessuale. Cinque donne hanno persino risposto che queste situazioni “succedono di continuo” nei loro confronti.

A questo proposito le donne del ramo hanno voluto precisare che le molestie sessuali non hanno nulla a che vedere con eventuali flirt, ma che “si tratta di un abuso di potere che intendono combattere con fermezza”.

Attualità

Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”
fotografie degli ostaggi di hamas

Altri sviluppi

Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese

Questo contenuto è stato pubblicato al Le trattative per la liberazione degli ostaggi in mano ad Hamas sono state sospese. Ad annunciarlo un'emittente israeliana.

Di più Ostaggi in mano a Hamas, trattative sospese
due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR