Navigation

Una corte per le controversie Svizzera-UE

Fare capo alla corte dell'AELS per dirimere le controversie tra Svizzera e UE, ma il primo a non credere a queste ipotesi è il giudice svizzero membro della stessa Corte

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2015 - 20:36

Un accordo istituzionale che prevede la ripresa dinamica del diritto europeo da parte svizzera.

Un tasto dolente per molte forze politiche in Svizzera e come se non bastasse in caso di contenziosi Bruxelles vorrebbe che a decidere fosse la Corte di giustizia europea.

Una via alternativa indicata da alcuni potrebbe essere quella di attribuire questo ruolo alla corte dell' AELS, l'associazione europea di libero scambio. Tomas Miglierina ha incontrato il presidente di questo tribunale per capire se si tratta davvero di una via percorribile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.