La televisione svizzera per l’Italia

Un Natale 2023 all’insegna del risparmio per la popolazione svizzera

mani impacchettano un regalo
Denaro, giochi, alimentari e dolci: sono nell'ordine le tre voci di spesa principali per i regali natalizi. © Keystone / Gaetan Bally

In media gli abitanti della Confederazione prevedono di spendere 282 franchi (circa 300 euro) in regali per Natale, il 22% in meno rispetto a un anno fa.

Quest’anno per le festività natalizie gli svizzeri e le svizzere avranno decisamente il braccino più corto: dai 343 spesi in media dodici mesi fa, si scenderà a una somma di 282 franchi. È quanto emerge da un sondaggio condotto dalla società di consulenza EY. Per ritrovare un importo minore (275 franchi) bisogna risalire al 2015.

Il 59% del campione di oltre 600 persone interrogate in novembre e dicembre afferma che ridurrà – in modo lieve (39%) o netto (20%) – la spesa per i doni a causa dell’inflazione e del rincaro delle tariffe energetiche. La quota è ancora maggiore fra le donne, che con 266 franchi mettono in conto uscite inferiori a quelle degli uomini, che sono a 304 franchi.

“Il 2022 è stato probabilmente un anno di recupero per molti consumatori a causa del Covid: i risparmi sono stati utilizzati per regalarsi qualcosa”, spiega André Bieri, dirigente di EY Svizzera, citato in un comunicato. “A seguito di una tornata salariale debole, di un altro aumento significativo dei premi di cassa malati e di un secondo incremento del tasso ipotecario di riferimento (con impatto sugli affitti) le prospettive per il 2024 sono cupe”. Inoltre, la situazione geopolitica rimane molto tesa e genera ulteriore incertezza, aggiunge l’esperto.

La riduzione della spesa natalizie è riscontrabile in tutte le generazioni: gli intervistati di età inferiore ai 35 anni sono comunque i meno impressionati, visto che hanno in programma di spendere il 13% in meno, mentre le altre categorie di età prevedono tagli più consistenti, fra il 19 e il 23%.

Inflazione in causa

“L’inflazione ha sicuramente raggiunto ormai definitivamente vaste fasce della popolazione”, osserva Bieri. “Da quando è stata condotta la nostra indagine, i consumatori non hanno mai pianificato di spendere così poco, tenendo conto del rincaro. È quindi prevedibile che gli effetti di questo indebolimento della domanda interna si ripercuotano sull’economia nel suo complesso”.

Il 59% degli interpellati investirà al massimo 250 franchi in regali e solo il 13% allargherà i cordoni della borsa oltre i 500 franchi: un anno fa gli “spendaccioni” erano ancora il 20%. I nuclei più inclini a risparmiare sono le famiglie con bambini, che taglieranno il budget del 24%, ma sensibili contrazioni interesseranno anche le coppie e le famiglie monoparentali.

Una persona su quattro acquista online

Il 40% del campione in Svizzera fa sapere che comprerà i regali soprattutto nei centri commerciali e nei negozi specializzati, il 25% online e il 30% ricorrerà ad entrambi i canali. “Il tempo è un fattore importante per lo shopping”, osserva Bieri. “Le principali categorie di regali possono essere ordinate sul web molto facilmente e senza dover fare acquisti. Anche i media sociali come TikTok e Instagram avranno probabilmente un’influenza positiva sul commercio su internet, soprattutto tra i più giovani”.

Il 63% dei consumatori afferma che quest’anno gli aspetti legati alla sostenibilità avranno un ruolo, perlomeno ridotto, in relazione ai regali e ai festeggiamenti; per il 18% i fattori in questione sono considerati molto importanti. Le donne sono più sensibili al tema degli uomini.

Il 28% acquista i suoi doni in novembre, il 55% nelle prime due settimane di dicembre e il 17% poco prima di Natale. Ma cosa regalare? Secondo il sondaggio si punterà soprattutto su denaro o buoni in denaro (48 franchi in media, assai meno dei 62 franchi del 2022), giochi (46 franchi), alimentari e dolci (34), vestiti (31), eventi (19), libri cartacei (18), prodotti cosmetici (16), gioielli (12, forte calo da 19) nonché elettronica di consumo (9).

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR