La televisione svizzera per l’Italia

Un Natale 2023 all’insegna del risparmio per la popolazione svizzera

mani impacchettano un regalo
Denaro, giochi, alimentari e dolci: sono nell'ordine le tre voci di spesa principali per i regali natalizi. © Keystone / Gaetan Bally

In media gli abitanti della Confederazione prevedono di spendere 282 franchi (circa 300 euro) in regali per Natale, il 22% in meno rispetto a un anno fa.

Quest’anno per le festività natalizie gli svizzeri e le svizzere avranno decisamente il braccino più corto: dai 343 spesi in media dodici mesi fa, si scenderà a una somma di 282 franchi. È quanto emerge da un sondaggio condotto dalla società di consulenza EY. Per ritrovare un importo minore (275 franchi) bisogna risalire al 2015.

Il 59% del campione di oltre 600 persone interrogate in novembre e dicembre afferma che ridurrà – in modo lieve (39%) o netto (20%) – la spesa per i doni a causa dell’inflazione e del rincaro delle tariffe energetiche. La quota è ancora maggiore fra le donne, che con 266 franchi mettono in conto uscite inferiori a quelle degli uomini, che sono a 304 franchi.

“Il 2022 è stato probabilmente un anno di recupero per molti consumatori a causa del Covid: i risparmi sono stati utilizzati per regalarsi qualcosa”, spiega André Bieri, dirigente di EY Svizzera, citato in un comunicato. “A seguito di una tornata salariale debole, di un altro aumento significativo dei premi di cassa malati e di un secondo incremento del tasso ipotecario di riferimento (con impatto sugli affitti) le prospettive per il 2024 sono cupe”. Inoltre, la situazione geopolitica rimane molto tesa e genera ulteriore incertezza, aggiunge l’esperto.

La riduzione della spesa natalizie è riscontrabile in tutte le generazioni: gli intervistati di età inferiore ai 35 anni sono comunque i meno impressionati, visto che hanno in programma di spendere il 13% in meno, mentre le altre categorie di età prevedono tagli più consistenti, fra il 19 e il 23%.

Inflazione in causa

“L’inflazione ha sicuramente raggiunto ormai definitivamente vaste fasce della popolazione”, osserva Bieri. “Da quando è stata condotta la nostra indagine, i consumatori non hanno mai pianificato di spendere così poco, tenendo conto del rincaro. È quindi prevedibile che gli effetti di questo indebolimento della domanda interna si ripercuotano sull’economia nel suo complesso”.

Il 59% degli interpellati investirà al massimo 250 franchi in regali e solo il 13% allargherà i cordoni della borsa oltre i 500 franchi: un anno fa gli “spendaccioni” erano ancora il 20%. I nuclei più inclini a risparmiare sono le famiglie con bambini, che taglieranno il budget del 24%, ma sensibili contrazioni interesseranno anche le coppie e le famiglie monoparentali.

Una persona su quattro acquista online

Il 40% del campione in Svizzera fa sapere che comprerà i regali soprattutto nei centri commerciali e nei negozi specializzati, il 25% online e il 30% ricorrerà ad entrambi i canali. “Il tempo è un fattore importante per lo shopping”, osserva Bieri. “Le principali categorie di regali possono essere ordinate sul web molto facilmente e senza dover fare acquisti. Anche i media sociali come TikTok e Instagram avranno probabilmente un’influenza positiva sul commercio su internet, soprattutto tra i più giovani”.

Il 63% dei consumatori afferma che quest’anno gli aspetti legati alla sostenibilità avranno un ruolo, perlomeno ridotto, in relazione ai regali e ai festeggiamenti; per il 18% i fattori in questione sono considerati molto importanti. Le donne sono più sensibili al tema degli uomini.

Il 28% acquista i suoi doni in novembre, il 55% nelle prime due settimane di dicembre e il 17% poco prima di Natale. Ma cosa regalare? Secondo il sondaggio si punterà soprattutto su denaro o buoni in denaro (48 franchi in media, assai meno dei 62 franchi del 2022), giochi (46 franchi), alimentari e dolci (34), vestiti (31), eventi (19), libri cartacei (18), prodotti cosmetici (16), gioielli (12, forte calo da 19) nonché elettronica di consumo (9).

Attualità

Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza
Parco solare di St. Imier.

Altri sviluppi

Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel campo della transazione energetica, la Svizzera si piazza al quarto rango mondiale. Meglio della Confederazione lo fanno solo tre Paesi nordici, Svezia, Danimarca e Finlandia.

Di più Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi
Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler

Altri sviluppi

Maggior peso al controspionaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al È il pensiero del procuratore generale della Confederazione. La minaccia per la Svizzera derivante dallo spionaggio straniero, in particolare russo e cinese, resta elevata.

Di più Maggior peso al controspionaggio
Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR