Navigation

Trapianto di organi solo con esplicito consenso

Per il Consiglio nazionale, non si può considerare donatore chi non ha espresso le sue volontà; rimane la necessità di sensibilizzare la popolazione: più di mille persone aspettano un trapianto

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 marzo 2015 - 15:06

La carenza di donatori di organi al centro, giovedì, del dibattito al Consiglio nazionale. I parlamentari erano divisi sulla regola da seguire: lasciare che continuino a essere i pazienti, o i loro familiari, a specificare la volontà di donare gli organi oppure introdurre il consenso presunto, ovvero la donazione automatica a meno che non ci sia un rifiuto esplicito.

Tutti d'accordo, invece, sulla necessità di sensibilizzare maggiormente la popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.