Navigation

Tpf, a processo quattro presunti jihadisti

Davanti al Tribunale penale federale 4 iracheni accusati di voler impiantare in Svizzera una cellula Isis; due avrebbero anche pianificato attentati

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 febbraio 2016 - 13:20

Quattro iracheni compariranno lunedì pomeriggio davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona, accusati di aver voluto impiantare in Svizzera una cellula dell'autoproclamato Stato islamico. Due di essi sono anche sospettati di aver pianificato attentati nella Confederazione, sebbene l'atto di accusa non fornisca alcuna indicazione sui possibili obiettivi.

Il principale imputato è un 30enne, che aveva ottenuto l'asilo nel 2012. Paraplegico, si sposta in sedia a rotelle ed era stato curato nel centro specializzato di Nottwil, ma questo -secondo il Ministero pubblico della Confederazione- non gli ha impedito di pubblicare in rete video che fanno l'apologia della sharia e del terrorismo. Gli svizzeri vi vengono definiti "cani" o "asini". Ha inoltre continuato a nutrire contatti con l'Isis. Il secondo presunto attentatore è un 32enne, lui pure originario di Kirkuk.

Tre membri del quartetto erano stati arrestati nella primavera del 2014, sulla base di informazioni provenienti dai servizi segreti statunitensi. L'inchiesta era stata estesa al quarto nel 2015. Il processo, fra imponenti misure di sicurezza, dovrebbe durare una o due settimane. La sentenza è attesa per il 18 marzo.

pon/ATS/red

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.