Navigation

Timbuktu, il contributo della Svizzera in Mali

"Questa ricostruzione è il nostro contributo per la pace e lo sviluppo del paese"

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 agosto 2015 - 21:43

Palmira in Siria, Bamiyan in Afghanistan oppure ancora Timbuktu in Mali. Negli ultimi anni sono stati molti i simboli o le antiche città distrutte dalla furia dei fondamentalisti. In Mali, la Svizzera ha dato il suo contributo per la ricostruzione e così storici mausolei hanno ritrovato il loro antico splendore.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.