Navigation

La pioggia in una "stanza"

La macchine sono in funzione dall'America latina al Golfo. Gli Emirati Arabi ne attendono 3'000. RSI-SWI

Una ditta di Riva San Vitale, nel cantone Ticino, ha sviluppato un apparecchio che permette di filtrare l'acqua dall'aria. Una tecnologia che desta molto interesse in tutto il mondo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2021 - 13:01

L'idea è semplice: far piovere in una stanza (termica). Basta un'umidità dell'aria del 2% e il sistema produce acqua di continuo. Secondo gli ideatori, è meno dannosa di altri sistemi, come la desalinizzazione, con cui viene riversato in mare molto sale creando disequilibri ecologici importanti.

L'azienda, fondata 10 anni fa su iniziativa di investitori americani appoggiatisi a imprenditori in Ticino e in Italia, precisa che l'apparecchio può essere costruito in tre mesi.

Naturalmente, necessita di energia per funzionare e quindi il costo di un'acqua prodotta in questo modo non è competitivo con quella del rubinetto. C'è però il vantaggio che l'acqua può essere "creata" ovunque.

Un'idea per abbattere i costi degli apparecchi, che alcune associazioni caritatevoli hanno iniziato a distribuire un po' come si fa con le iniziative volte a costruire dei pozzi d'acqua, è quella di utilizzare la macchina integrandolo a impianti di climatizzazione.

Più dettagli nel servizio del Quotidiano.

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz con RSI (Quotidiano del 23.04.2021)

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.