Navigation

Syndicom contro la privatizzazione di Swisscom

Rimasto uno dei pochi operatori di telefonia e televisione europei ad essere ancora in mani pubbliche, la privatizzazione di Swisscom è richiesta anche dall'OCSE

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 settembre 2016 - 13:10

Il sindacato dei media e della comunicazione SYNDICOM si oppone a una completa privatizzazione di Swisscom e lancerà un referendum nel caso in cui il parlamento dovesse esprimersi in questo senso. La questione sarà trattata dalle camere federali durante l'imminente sessione autunnale.

Syndicom basa il suo dissenso sui risultati di un sondaggio presentato giovedì mattina a Berna in cui il 56% delle persone interpellate è totalmente/piuttosto contrario a una privatizzazione totale di Swisscom.

Le camere se ne occuperanno a partire da lunedì, durante la sessione autunnale, quando tratteranno alcuni atti parlamentari in materia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.