Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Svizzeri a rischio di povertà

Per quanto il Paese abbia uno tenori di vita più alti d'Europa, e minore scarto tra bassi e alti redditi, due svizzeri su dieci non possono far fronte a una spesa imprevista

Tratto da: Conti cifrati e altri (falsi) miti svizzeriLink esterno

Nel 2013, la Svizzera era tra i Paesi con il più alto tenore di vita del Vecchio Continente, insieme a Norvegia e Lussemburgo. La disparità tra alti e bassi redditi, inoltre, è meno marcata rispetto alla media europea.

Dall'indagine condotta dall'Ufficio federale di statistica, però, si evince anche che il 13,3% dei residenti è esposto al rischio di povertà, con maggior incidenza tra i membri di famiglie monoparentali (29,8%), persone senza titoli di studio (24,1%) e stranieri di origine extraeuropea (24,7%).

Quasi due svizzeri su dieci (19,3%) vivono in un'economia domestica che non ha i mezzi per far fronte a una spesa imprevista1, l'8,8% non può permettersi una settimana di vacanza all'anno lontano dal proprio domicilio, il 3,3% non può riscaldare sufficientemente il domicilio e l'1,6% può offrirsi un pasto completo2 ogni due giorni.

È vero, in Italia alcuni dati sono più alti: niente vacanze per 5 su 10, la spesa imprevista è un problema per il 40,4%, il riscaldamento per il 19,1%. Su altre cose si sta meglio in Italia e peggio in Europa (rinuncia a possedere un'automobile per motivi economici: Italia 1,9%, Svizzera 3,9%, Europa 8,6%). Ma, in definita, neppure in Svizzera "stanno tutti bene".

Nel video, i commenti dell'economista Christian Marazzi ai risultati di un sondaggio pubblicato dall'Istituto europeo di recupero crediti Intrum Iustitia.

1 superiore a 2500 franchi
2 a base di carne o pesce (o euivalente vegetariano)

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×