Navigation

Premio europeo per il tunnel di base del San Gottardo

L'European Railway Award, importante riconoscimento europeo in ambito ferroviario, è stato assegnato quest'anno alle persone coinvolte nella realizzazione della galleria di base del San Gottardo.  

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 febbraio 2018 - 14:10
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 21.02.2018)
Contenuto esterno


Il più importante premio europeo in ambito ferroviario, dotato di 10'000 euro, è stato assegnato quest'anno al capo progetto delle Ferrovie federali svizzere Peter Jedelhauser e a Renzo Simoni (ex CEO AlpTransit San Gottardo SA), in rappresentanza di tutte le persone coinvolte nella costruzione e nella messa in servizio del tunnel ferroviario più lungo al mondo.

Il tunnel di base del San Gottardo è stato ufficialmente aperto il primo giugno 2016 - dopo 17 anni di lavori di costruzione. La galleria viene attraversata dai treni dall'11 dicembre 2016, dopo essere stata aperta al traffico merci già dal 5 settembre dello stesso anno. Keystone


Con il premio, conferito a Bruxelles dalla Comunità Europea delle Ferrovie e delle Società d'infrastruttura (Cer) e dall'Associazione dell'Industria Ferroviaria Europea (Unife),si è voluto voluto rendere omaggio al ruolo essenziale che la Galleria di base del San Gottardo  - lunga 57 chilometri - svolge per il traffico merci transalpino europeo in materia di politica dei trasporti. 

I trasporti, un toccasana per i rapporti Svizzera-UE

Un ambito, quest'ultimo, che rappresenta un'eccezione per i rapporti tra Svizzera e UE. È un settore dove abbondano le lodi piuttosto che le critiche nei confronti della Confederazione e i diplomatici elvetici ne approfittano. 

"La politica dei trasporti è un esempio con il quale possiamo dimostrare che la Svizzera - con le sue forze, le sue iniziative, le sue buone idee – può contribuire a realizzare obbiettivi comuni. In Svizzera abbiamo la tendenza a concentrarci sulle critiche. Certo, quelle ci sono. Ma c’è il riconoscimento della validità di alcune nostre politiche, come quella dei trasporti", ha detto Urs Bucher, capo della missione Svizzera nell'Unione Europea. 

In particolare la politica elvetica del trasferimento del traffico merci dalla strada alla ferrovia è un argomento che sta molto a cuore a Bruxelles, la cui commissione dei trasporti sta lavorando alla nuova "Eurovignetta" per tassare i camion e utilizzare il ricavato per finanziare il trasporto su rotaia. 


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.