Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Svizzera terza ai 'mondiali' del formaggio

Ai World Cheese Awards di San Sebastián, trionfa il norvegese Kraftkar; terzo posto al Gruyère Premier Cru von Mühlenen

Stagionati, a pasta molle, a pasta dura, con la muffa oppure no: chi vuole farsi un'idea di quanto è vasta la gamma di formaggi presenti nel mondo può raggiungere San Sebastián, in Spagna, dove si tiene ogni anno una competizione tra i migliori prodotti caseari a livello internazionale. Nel palmarès 2016, la Svizzera si è pure tagliata un assaggio di gloria.

I World Cheese Awards sono considerati dai produttori l'Oscar dei formaggi, il Nobèl per il sapore, un riconoscimento ambito. Nella sua 28esima edizione, oltre 3000 partecipanti si sono sfidati a colpi di pecorini, caprini, formaggi a pasta molle e specialità regionali rarissime.

Dopo giorni passati ad assaggiare e annusare prelibatezze casearie, i giudici hanno raggiunto giovedì il verdetto: il vincitore di quest'anno è il Kraftkar, pungente formaggio a pasta molle norvegese.

"È un prodotto speciale, saporito e anche croccante", spiega Pedro Subijana, cuoco e membro della giuria. "Una consistenza che non ho mai visto prima!"

Soddisfatto anche il produttore Ingulf Galaen, custode della ricetta segreta del Kraftkar: "Sono orgoglioso del risultato e del fatto che il mondo potrà conoscere il formaggio norvegese".

Anche la Svizzera ha trovato un posto sul podio, con la medaglia di bronzo attribuita al Gruyère Premier Cru von Mühlenen di Friburgo, formaggio che l'anno scorso aveva sbaragliato la concorrenza, conquistando oltre al podio anche altre 7 medaglie per la qualità sopraffina del prodotto.

×