Navigation

Svizzera orientale, allarme migranti

Arrivi in mattinata nella stazione dei treni di Buchs

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 settembre 2015 - 13:45

Martedì mattina a Buchs, nella Svizzera orientale, c'erano tanti poliziotti e giornalisti ad attendere l'arrivo di profughi dall'Austria e dall'Ungheria. Sui treni, il numero di rifugiati era al disotto delle previsioni. Intanto però le guardie di confine aumentano i controlli, anche sulle strade.

"Al centro della nostra attività ci sono effettivamente i flussi migratori. Non ci concentriamo però solo sulle stazioni, ma anche sulla strada. Vogliamo evitare scene come quelle viste recentemente in Austria. Aumentiamo dunque i controlli dei vani di carico dei veicoli", le parole di Kobler comandante delle Guardie di confine della Regione III.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.