Navigation

Domande d'asilo ai minimi dal 2010

Contenuto esterno


Tra gennaio e giugno, sono state depositate in Svizzera 9'123 richieste d’asilo. Si tratta della cifra più bassa dal 2010, rende noto mercoledì la Segreteria di Stato della migrazione (SEM). Il numero di domande del secondo trimestre (4'392) fa segnare un calo del 26% rispetto allo stesso periodo del 2016; l’intero semestre registra -36% su base annua.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 luglio 2017 - 21:05
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 19.07.2017)

La SEMLink esterno constata che la Svizzera non è più una destinazione privilegiata per i migranti che giungono in Europa occidentale. Tuttavia, ricorda la notaLink esterno, non è possibile elaborare una proiezione lineare per i prossimi mesi, poiché la seconda metà dell’anno è di solito più intensa.

Per l’intero 2017, si stimano tra le 20 e le 25 mila domande d’asilo. La Segreteria di Stato della migrazione non esclude picchi futuri in grado di portare il dato oltre le 30 mila unità.

Contenuto esterno


Nel corso del mese di giugno, 61 nuovi rifugiati sono stati accolti in Svizzera nel quadro del programma di reinsediamentoLink esterno dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR). Entro fine 2018 la Confederazione intende ammettere un contingente di 2000 persone nell’ambito di questo piano, rivolto soprattutto a chi si trova in Paesi particolarmente vulnerabili come la Siria o nazioni limitrofe.

Per quanto riguarda il programma di ricollocazioneLink esterno dell'Unione europea, sono giunte nel Paese 136 nuove persone dalla Grecia o dall'Italia, portando il totale a 1058.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.