Navigation

Svizzera, un nuovo accordo quadro con l'UE non è escluso

Il responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri elvetico Ignazio Cassis. Keystone / Cyril Zingaro

Il ministro degli esteri elvetico Ignazio Cassis, intervistato dalla stampa domenicale, non esclude che dopo l'abbandono delle trattative per un accordo quadro istituzionale con l'Unione europea, un giorno la Svizzera non torni a discutere con Bruxelles su questioni istituzionali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2021 - 08:54
Keystone-ATS/Zz

Un simile passo potrebbe essere il risultato del dialogo politico, ha affermato il Consigliere in un'intervista pubblicata oggi dalla "SonntagsZeitung". Se si arrivasse a tal punto la Svizzera dovrebbe mettere in chiaro fin dall'inizio cos'è accettabile e cosa no.

I presupposti dovrebbero essere molto più espliciti di quanto siano stati nei negoziati sull'accordo quadro, altrimenti la Svizzera rischia un nuovo accordo che politicamente non ha alcuna chance, ha sottolineato il ticinese. Un'adesione all'UE nei prossimi anni inoltre non è realistica.

Contenuto esterno

Collaborazione contro la pandemia

Berna e Bruxelles sono interessate a una collaborazione come è stato il caso nella lotta alla pandemia di coronavirus. La Svizzera è inoltre uno dei più importanti siti di ricerca. Secondo il consigliere federale entrambe le parti sono interessate a proseguire la cooperazione.

Cassis può anche immaginarsi una partecipazione al Green Deal dell'UE: la Confederazione e i Ventisette hanno obiettivi simili in materia di protezione del clima. Pertanto "avrebbe senso esaminare un'alleanza in questo ambito", ha sostenuto. La consigliera federale Simonetta Sommaruga aveva già proposto una collaborazione sul Green Deal al Forum economico mondiale (WEF) del 2020.

Zone d'ombra sull'interruzione

Intanto il parlamentare Nicolas Walder (Verdi) ha confermato all'agenzia Keystone-ATS una notizia del "SonntagsBlick", secondo cui venerdì la Commissione di politica estera della Camera del popolo dovrebbe esaminare una sua mozione in cui si chiede che la Commissione della gestione analizzi la legalità e la costituzionalità della decisione del governo di rompere i negoziati sull'accordo quadro.

Walder ritiene che la decisione sia "caratterizzata da zone d'ombra": "la Costituzione e la Legge sul Parlamento indicano che il parlamento partecipa al processo di decisione sulle questioni importanti di politica estera", ricorda l'ecologista che si chiede: se queste leggi non si applicano ai negoziati per un accordo quadro, allora a cosa si applicano?

Con la sua mozione Walder cerca prima di tutto di ottenere chiarimenti, soprattutto sulle interazioni tra le Camere e il Governo nel campo della politica estera.


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.