Navigation

Superfranco, timori per l'economia elvetica

Bilancio di un mese dopo la mossa della BNS che ha sganciato il franco dall'euro

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2015 - 22:25

Un mese fa, il 15 gennaio, la Banca nazionale (BNS) ha sganciato il franco dall'euro, mettendo in difficoltà numerosi settori economici elvetici, in particolare quelli orientati all'export, il turismo e il commercio, penalizzati dal brusco apprezzamento della valuta nazionale. I primi a reagire sono stati i grandi distributori che hanno iniziato ad abbassare i prezzi di diversi prodotti. Ma se nel breve saranno i consumatori a beneficiare della nuova situazione, l'intera economia locale, confrontata con la concorrenza delle merci e dei servizi esteri divenuti più competitivi rischia di pagare un prezzo molto alto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.