Superare i pregiudizi Islam e omosessualità, incontro con l'imam di una "moschea inclusiva"

Ludovic-Mohammed Zahed, imam della prima moschea inclusiva di Francia, ha parlato a Ginevra di come è riuscito a conciliare la sua spiritualità e la sua omosessualità. L'ha incontrato la Radiotelevisione svizzera. 


È una storia di emancipazione quella di Ludovic-Mohamed Zahed, invitato a Ginevra dalla Chiesa protestante e dalla comunità LGBTQI della città. 

Dichiaratamente omosessuale, è stato il primo musulmano in Francia a sposare una persona dello stesso sesso, nel 2011, ed è inoltre fondatore della prima moschea inclusiva dell'Esagono che accoglie musulmani di qualsiasi orientamento sessuale.

Per molto tempo ha rinnegato la propria religione che gli appariva misogina e omofoba. Il bisogno di spiritualità e l'attaccamento alle sue origini, però, restava forte. "È come se mi fosse stato chiesto di tagliarmi un braccio oppure l'altro".

Così è cominciato quello che ha definito un lavoro di ricostruzione della sua religione islamica, arrivando alla conclusione che "la spiritualità è prima di tutto uno strumento di liberazione, non di controllo e castrazione", ha spiegato a protestinfoLink esterno.

Detentore di un dottorato in scienze sociali ora la sua lotta è per un cambiamento di mentalità. "Le minoranze, quando non vengono represse, sterminate, escluse dal dibattito pubblico, permettono alla società di vedere cosa non va, cosa sarebbe bene cambiare", spiega. 

Parole chiave