Navigation

Super franco, meno burocrazia e più innovazione

Dibattito in parlamento per attenuare gli effetti dell'apprezzamento della valuta elvetica sull'export

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2015 - 20:28

Meno burocrazia e più investimenti nell'innovazione per contrastare l'apprezzamento del franco Svizzero che sta mettendo a dura prova il settore strategico per l'economia svizzera dell'export. È quanto chiedono cinque mozioni approvate dal Consiglio nazionale nel corso della sessione straordinaria dedicata al tema.

In particolare i testi proposti dallo schieramento di centro-destra propongono di sgravare le aziende con meno di 50 dipendenti dall'onere delle rilevazioni statistiche e di adottare accorgimenti per ridurre questo stesso onere per tutte le altre e più in generale per comprimere i compiti amministrativi a carico delle ditte.

Nel corso del dibattito gli esponenti "borghesi" hanno espresso l'esigenza di detassare e sburocratizzare il sistema produttivo mentre sul fronte opposto socialisti e verdi hanno chiesto l'attivazione di un fondo per prevenire la delocalizzazione delle società elvetiche e il rafforzamento delle misure di accompagnamento interne agli accordi bilaterali sottoscritti con l'UE.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.