Navigation

Studio, i fondi sostenibili non sono molto "green"

La produzione di cemento è, assieme all'industria degli armamenti, l'unica in cui la partecipazione dei fondi sostenibili è significativamente più bassa. Keystone / Urs Flueeler

Da uno studio svolto su mandato di Greenpeace dall'agenzia svizzera Inrate, specializzata nei fondi sostenibili (ESG), emerge che la loro sostenibilità non sia molto diversa da quella dei fondi tradizionali.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 giugno 2021 - 13:08
tvsvizzera.it/Zz con Keystone-ATS

Mentre aumenta la richiesta dei detentori di capitale per investimenti che rispondano a criteri ambientali, sociali e di buona governance, i fondi etichettati ESG presentano solo un minimo vantaggio in termini di sostenibilità rispetto a quelli tradizionali, secondo lo studio dall'agenzia, pubblicato lunedì.

"Sembra che, nell'insieme, i fondi ESG mostrino efficacia solamente in termini di disimpegno delle società implicate in grandi controversie ambientali e non in termini di miglioramento dell'impatto degli investimenti sul clima e la sostenibilità", riassume Inrate, che ha analizzato una cinquantina di fondi proposti dalle banche in Svizzera e Lussemburgo.

Nelle attività più cruciali, i fondi con un alto "ESG impact score" hanno una partecipazione significativamente più bassa solo nella prodizione di cemento e nell'industria degli armamenti. Per altre attività, non sono stati rilevate differenze di rilievo rispetto ai fondi d'investimento tradizionali.

Greenpeace considera quindi insufficiente la diversificazione degli investimenti in settori sostenibili in Svizzera e Lussemburgo e chiede che la politica prenda delle contromisure per definire standard minimi vincolanti. L'organizzazione ambientalista propone che i fondi sostenibili siano obbligati a investire in attività economiche il cui impegno per la riduzione dei gas a effetto serra sia in linea con gli obiettivi dell'Accordo di Parigi sul clima.   

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.