Navigation

In viaggio con il coronavirus

Keystone / Elia Bianchi

Con il Coronavirus la vita sui trasporti pubblici si è fatta ancora più difficile. Soprattutto per gli studenti, ai quali si chiede distanza dentro l'aula ma poi si ritrovano ammassati su treni e bus strapieni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 novembre 2020 - 10:23
Chiara Camponovo, Patti Chiari RSI

Una contraddizione che i ragazzi vivono male. Noi li abbiamo seguiti sui mezzi pubblici, abbiamo documentato situazioni critiche, raccolto le loro testimonianze e le loro preoccupazioni. 

C'è chi si adatta non senza ansie e paure, e c'è chi si sveglia prima dell'alba per evitare la ressa. Ci siamo anche chiesti quanto davvero ci si può contagiare su un mezzo pubblico: è un luogo pericoloso? Basta indossare la mascherina per evitare rischi? Che cosa sappiamo? Quali sono le condizioni ideali, e quali quelle peggiori? Che cosa stanno facendo le aziende di trasporto pubblico per aiutare l'utenza in questo brutto momento?

Ecco alcune risposte nel servizio di Patti Chiari, la trasmissione per i consumatori della Radiotelevisione svizzera:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.