Navigation

Giubiasco, dramma passionale premeditato

La comunità di Giubiasco è sotto shock per il duplice omicidio con suicidio di domenica dell'Osteria degli Amici. Secondo nostre informazioni, a casa dell'ex agente sarebbe stato rinvenuto uno scritto. Un indizio che confermerebbe la premeditazione del delitto. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 maggio 2020 - 20:39
tvsvizzera.it/fra con RSI
Il dramma si è consumato verso le 14.10 di domenica, poco dopo la chiusura del bar. La polizia è arrivata dopo cinque minuti. Keystone / Pablo Gianinazzi

"Sono sotto shock, come un po' tutti qui a Giubiasco". Giorgio Galusero, granconsigliere e ufficiale della polizia cantonale in pensione, domiciliato nel borgo, oggi quartiere di Bellinzona, non nasconde il suo smarrimento, la sua tristezza per il dramma consumatosi domenica pomeriggio nell'Osteria degli Amici.

Eventuali testimoni sono pregati di contattare la polizia cantonale allo 0848 25 55 55.

End of insertion

"Lo conoscevo da una vita: eravamo assieme nel primo gruppo di antiterrorismo, poi in federazione e per anni ci si vedeva in sede a Bellinzona. È sempre stato un uomo assolutamente calmo e riflessivo. Non violento. Sportivo. Quindi quello che è successo mi ha davvero sorpreso. Non avrei mai immaginato", aggiunge l'ex ufficiale di polizia di Giubiasco.

È il suo ricordo dell'ex collega della cantonale, il poliziotto 64enne del Locarnese da poco in pensione che domenica pomeriggio ha ucciso la moglie dalla quale si stava separando ed il nuovo compagno di lei, un 60enne. "Due spari, poi altri due", raccontano dei testimoni.

La donna, 47 anni, domiciliata nel Bellinzonese, cameriera nel ritrovo pubblico in Piazza Grande dove è avvenuto il duplice omicidio, stava da un anno con il nuovo compagno, noto nella regione perché direttore della Cantina (Cagi) di Giubiasco. "Per me è davvero difficile oggi. Conoscevo bene anche loro. Presto sarebbero andati a vivere assieme", ricorda ancora Galusero. Una convivenza che, stando ad altre fonti, era già discretamente diventata una realtà da alcune settimane in un palazzo poco distante dal centro.

Il dramma si è consumato verso le 14.10, poco dopo la chiusura del bar. La polizia è arrivata dopo cinque minuti. L'inchiesta per chiarire le cause del fatto di sangue è in corso ed è stata affidata al procuratore pubblico Roberto Ruggeri. 

Ecco i dettagli nel servizio del Quotidiano, con diverse testimonianze:

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.