Navigation

Sull'uscita dal lockdown la Svizzera è divisa

La Svizzera si prepara a entrare in una nuova fase della gestione dell'emergenza coronavirus. Qual è il giudizio della popolazione sulla strategia di uscita dalla crisi impostata dal Consiglio federale? Ecco i risultati del sondaggio online condotto sui portali d'informazione della Radiotelevisione svizzera. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 maggio 2020 - 21:01
tvsvizzera.it/fra con RSI
Il 42% dei partecipanti al sondaggio reputano affrettata la strategia d'uscita. Tale quota sale al 62% nella Svizzera italiana. Keystone / Jean-christophe Bott

Dopo sette settimane di governo d'emergenza per l'epidemia di Covid-19, l'umore della popolazione è in ribasso: solo il 15% lo definisce buono e il 57% ritiene la situazione economica da cattiva a molto cattiva.

È quanto risulta dal terzo sondaggio commissionato dalla Società svizzera di radiotelevisione (SSR) all'istituto di ricerca Sotomo e condotto lo scorso fine settimana su 32'485 persone in tutta la Svizzera. I precedenti erano del 22 marzo e del 5 aprile.

Le conseguenze più temute per l'epidemia del nuovo coronavirus sono una crisi economica (48%) e la perdita a lungo termine delle libertà personali (22%), mentre solo il 6% degli interpellati considera un rischio il crollo del sistema sanitario.

Rispetto al primo sondaggio del 22 marzo, la paura di beccarsi il Sars-CoV-2 è calata notevolmente, dal 51 al 34%, mentre il timore di perdite finanziarie è rimasto costante, al 33%. Tuttavia, la paura della solitudine e dell'isolamento è aumentata, dal 26 al 32%.

Allentamento, punti di vista diversi a dipendenza della regione

Riguardo all'allentamento delle restrizioni dal prossimo 11 maggio, la maggioranza degli intervistati in tutto il Paese lo accoglie con favore, ma in modo differenziato: gli ultra 75enni con più decisione, i giovani meno chiaramente. Per regione linguistica, i sostenitori più accaniti dell'allentamento vivono nella Svizzera tedesca, meno decisamente nella parte francofona, mentre in Ticino una netta maggioranza (62%) trova "troppo frettolosa" o "piuttosto frettolosa" la decisione di abbandonare alcune misure di tutela.

L'accettazione delle misure del Consiglio federale è diminuita ad ogni sondaggio. Nell'ultimo, il 23% dei partecipanti ha considerato la restrizione della libertà di movimento come decisamente troppo ampia o troppo ampia, a fronte di un 10% di opinione opposta. Il 67% è indeciso.

Per la chiusura di negozi e servizi le percentuali sono simili: 29% la ritiene perlomeno "troppo estesa", 10% pensa il contrario e il 61% è indeciso. Ciononostante, il 62% degli interpellati ha dichiarato di avere grande o grandissima fiducia nel Consiglio federale.
 

Il servizio del Tg parla della differente visione della strategia d'uscita tra le varie regioni linguistiche svizzere.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?