Navigation

Solo 2 minuti #2, Italia e Helvetia

22 famose statue svizzere ci raccontano la loro storia

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2014 - 14:41

Dal 1933 poste all'entrata della stazione ferroviaria di Chiasso, le due statue Italia e Helvetia osservano il traffico di viaggiatori e lo commentano tra di loro, senza potersi guardare mai, ma con il solo pensiero. Fanno pensare a grandi madri venute da lontano, ma ai tempi hanno fatto scandalo con le loro nudità.
Il proposito dell'opera è quello di alludere all'amicizia fra due popoli attraverso due figure femminili nell'atto di abbracciarsi, molto somiglianti fra loro nelle fattezze e nella postura.
Margherita Osswald-Toppi, pittrice e scultrice iltalo-svizzera (1897-1971)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.