La televisione svizzera per l’Italia

Siriano condannato in Svizzera per minacce a Charlie Hebdo

riviste charlie hebdo
Le vignette del settimanale satirico causano spesso delle polemiche. KEYSTONE

Un 30enne rifugiato siriano che soffre di schizofrenia paranoide aveva minacciato la redazione della rivista Charlie Hebdo.

Un cittadino siriano è stato condannato mercoledì dal Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona (canton Ticino) a una misura terapeutica stazionaria e all’espulsione dalla Svizzera per cinque anni per tentata coazione. Nel gennaio 2023 aveva minacciato di morte i membri della redazione della rivista satirica francese Charlie Hebdo qualora avessero pubblicato vignette su Maometto.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

Charlie Hebdo, niente Maometto in copertina

Questo contenuto è stato pubblicato al E’ tornato in edicola Charlie Hebdo. Il nuovo numero del giornale satirico francese esce sette settimane dopo l’attacco jihadista nella redazione a Parigi. La prima edizione, quella dei sopravvissuti, è stata venduta in otto milioni di copie. In copertina questa volta non c’è Maometto.

Di più Charlie Hebdo, niente Maometto in copertina

Stando a una perizia psichiatrica, il 30enne soffre di una grave schizofrenia paranoide cronica e al momento dei fatti era incapace di discernimento, motivo per cui il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha richiesto una misura terapeutica stazionaria e in seguito l’espulsione facoltativa dalla Svizzera per dieci anni, giudicandolo una “vera minaccia”.

Per la difesa l’uomo non dovrebbe lasciare la Confederazione

La difesa invece ha auspicato di rinunciare all’allontanamento: il suo cliente, ha sottolineato il legale in aula, ha lo statuto di rifugiato ammesso provvisoriamente dal 2013, cosa che parla a sfavore di un’espulsione facoltativa dalla Svizzera. Inoltre l’uomo non potrebbe tornare semplicemente nel suo Paese d’origine in quanto non sarebbe in grado di cavarsela a causa della malattia psichica di cui soffre fin dalla sua infanzia. Va anche considerato che la sua famiglia vive in Svizzera. L’avvocato difensore ha quindi chiesto una misura stazionaria e l’immediato rilascio dalla detenzione preventiva.

Motivando la sentenza, la giudice ha affermato che a causa della gravità della malattia il rischio di ulteriori reati è elevato. Per questo motivo è necessaria una misura stazionaria in un istituto chiuso, anche nell’interesse dell’imputato stesso. Non ci sono segnali che indichino che questi voglia integrarsi nella società elvetica o che avesse tentato di farlo, ha aggiunto. A causa del suo “fanatismo religioso”, l’uomo aveva perso posti d’apprendistato e di lavoro e viveva dell’assistenza sociale.

Il 30enne ha espresso a più riprese il desiderio di emigrare in un Paese musulmano, il che prova che non vuole rimanere in Svizzera, ha detto la giudice, prima di aggiungere che anche se la terapia dovesse avere successo, il rischio di recidiva rimane elevato. L’interesse pubblico all’espulsione prevale quindi sull’interesse dell’imputato a restare nella Confederazione.

Minacce “molto serie”

L’imputato era accusato di aver contattato, mentre era in Svizzera, la redazione di Charlie Hebdo, minacciandola di gravi conseguenze se avesse pubblicato vignette che ritraevano il profeta Maometto.

Secondo l’accusa, l’editore del settimanale aveva considerato la minaccia molto seria. Le intimidazioni non solo erano scaturite in una denuncia penale presso le autorità giudiziarie francesi, ma avevano anche avuto un impatto sulla redazione: poco dopo che erano emerse, tre dipendenti si sono assentati per motivi di salute, si legge nell’atto d’accusa.

Le provocatorie vignette su Maometto della rivista satirica francese hanno ripetutamente scatenato proteste nei Paesi musulmani. Il 7 gennaio 2015, due uomini (poi uccisi dalle forze dell’ordine) avevano compiuto un attacco terroristico di matrice islamica presso la sede di Charlie Hebdo a Parigi, in cui morirono otto membri della redazione e altre quattro persone.

Attualità

Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese
Donna in carrozzina.

Altri sviluppi

L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili

Questo contenuto è stato pubblicato al I recenti interventi di adeguamento negli scali ferroviari e alle fermate periferiche hanno migliorato l'agibilità degli stessi ma non sono stati rispettati gli obiettivi legali.

Di più L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.

Altri sviluppi

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

Di più La potente famiglia Hinduja condannata per usura
Rishi Sunak

Altri sviluppi

Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse

Questo contenuto è stato pubblicato al A due settimane dalle elezioni, il partito del premier Rishi Sunak non solo è dato ai minimi storici, ma è anche scombussolato dalle dimissioni di direttore della campagna elettorale Tony Lee, coinvolto nello scandalo delle scommesse fatte sulla data del voto.

Di più Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse
Zermatt

Altri sviluppi

Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al Da venerdì mattina, la località turistica ai piedi del Cervino è inaccessibile. A causa del rischio di esondazione del torrente Vispa, nessun treno circola tra Visp e Zermatt, che non è raggiungibile neppure via strada a causa di smottamenti nella località.

Di più Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo
donald sutherland

Altri sviluppi

Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

Questo contenuto è stato pubblicato al L'attore canadese è morto giovedì all'età di 88 anni. Dopo gli esordi teatrali e parti minori, Sutherland conobbe il successo alla fine degli anni '60, con La sporca dozzina e Mash.

Di più Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland
scritta kaspersky su un edificio

Altri sviluppi

L’anti-virus Kaspersky vietato negli Stati Uniti

Questo contenuto è stato pubblicato al Le autorità americane hanno vietato la vendita del software sviluppato dall'omonima azienda russa. Washington teme che vi sia un rischio per la sicurezza, visti i sospetti di troppa vicinanza con il Cremlino.

Di più L’anti-virus Kaspersky vietato negli Stati Uniti
persone sostengono una barella

Altri sviluppi

Oltre mille pellegrini morti per il caldo alla Mecca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il tradizionale pellegrinaggio annuale nella città natale di Maometto si è trasformato in tragedia per centinaia di persone, decedute a causa del caldo torrido.

Di più Oltre mille pellegrini morti per il caldo alla Mecca
anfiteatro

Altri sviluppi

Tre mosaici romani portati alla luce ad Avenches

Questo contenuto è stato pubblicato al Gli archeologi hanno scoperto tre mosaici del II e III secolo d.C. in quella che era la più importante città romana in territorio elvetico.

Di più Tre mosaici romani portati alla luce ad Avenches
donna taglia il traguardo

Altri sviluppi

A Losanna gli esseri umani sono più veloci del metró

Questo contenuto è stato pubblicato al Nell'ambito delle celebrazioni per il 30esimo anniversario dell'ottenimento del titolo di "capitale olimpica", a Losanna è stata organizzata una competizione assai particolare, che ha visto per protagonisti la metropolitana e tre squadre di corridori.

Di più A Losanna gli esseri umani sono più veloci del metró

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR