La televisione svizzera per l’Italia

Siriano condannato in Svizzera per minacce a Charlie Hebdo

riviste charlie hebdo
Le vignette del settimanale satirico causano spesso delle polemiche. KEYSTONE

Un 30enne rifugiato siriano che soffre di schizofrenia paranoide aveva minacciato la redazione della rivista Charlie Hebdo.

Un cittadino siriano è stato condannato mercoledì dal Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona (canton Ticino) a una misura terapeutica stazionaria e all’espulsione dalla Svizzera per cinque anni per tentata coazione. Nel gennaio 2023 aveva minacciato di morte i membri della redazione della rivista satirica francese Charlie Hebdo qualora avessero pubblicato vignette su Maometto.

Altri sviluppi

Altri sviluppi

Charlie Hebdo, niente Maometto in copertina

Questo contenuto è stato pubblicato al E’ tornato in edicola Charlie Hebdo. Il nuovo numero del giornale satirico francese esce sette settimane dopo l’attacco jihadista nella redazione a Parigi. La prima edizione, quella dei sopravvissuti, è stata venduta in otto milioni di copie. In copertina questa volta non c’è Maometto.

Di più Charlie Hebdo, niente Maometto in copertina

Stando a una perizia psichiatrica, il 30enne soffre di una grave schizofrenia paranoide cronica e al momento dei fatti era incapace di discernimento, motivo per cui il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha richiesto una misura terapeutica stazionaria e in seguito l’espulsione facoltativa dalla Svizzera per dieci anni, giudicandolo una “vera minaccia”.

Per la difesa l’uomo non dovrebbe lasciare la Confederazione

La difesa invece ha auspicato di rinunciare all’allontanamento: il suo cliente, ha sottolineato il legale in aula, ha lo statuto di rifugiato ammesso provvisoriamente dal 2013, cosa che parla a sfavore di un’espulsione facoltativa dalla Svizzera. Inoltre l’uomo non potrebbe tornare semplicemente nel suo Paese d’origine in quanto non sarebbe in grado di cavarsela a causa della malattia psichica di cui soffre fin dalla sua infanzia. Va anche considerato che la sua famiglia vive in Svizzera. L’avvocato difensore ha quindi chiesto una misura stazionaria e l’immediato rilascio dalla detenzione preventiva.

Motivando la sentenza, la giudice ha affermato che a causa della gravità della malattia il rischio di ulteriori reati è elevato. Per questo motivo è necessaria una misura stazionaria in un istituto chiuso, anche nell’interesse dell’imputato stesso. Non ci sono segnali che indichino che questi voglia integrarsi nella società elvetica o che avesse tentato di farlo, ha aggiunto. A causa del suo “fanatismo religioso”, l’uomo aveva perso posti d’apprendistato e di lavoro e viveva dell’assistenza sociale.

Il 30enne ha espresso a più riprese il desiderio di emigrare in un Paese musulmano, il che prova che non vuole rimanere in Svizzera, ha detto la giudice, prima di aggiungere che anche se la terapia dovesse avere successo, il rischio di recidiva rimane elevato. L’interesse pubblico all’espulsione prevale quindi sull’interesse dell’imputato a restare nella Confederazione.

Minacce “molto serie”

L’imputato era accusato di aver contattato, mentre era in Svizzera, la redazione di Charlie Hebdo, minacciandola di gravi conseguenze se avesse pubblicato vignette che ritraevano il profeta Maometto.

Secondo l’accusa, l’editore del settimanale aveva considerato la minaccia molto seria. Le intimidazioni non solo erano scaturite in una denuncia penale presso le autorità giudiziarie francesi, ma avevano anche avuto un impatto sulla redazione: poco dopo che erano emerse, tre dipendenti si sono assentati per motivi di salute, si legge nell’atto d’accusa.

Le provocatorie vignette su Maometto della rivista satirica francese hanno ripetutamente scatenato proteste nei Paesi musulmani. Il 7 gennaio 2015, due uomini (poi uccisi dalle forze dell’ordine) avevano compiuto un attacco terroristico di matrice islamica presso la sede di Charlie Hebdo a Parigi, in cui morirono otto membri della redazione e altre quattro persone.

Attualità

Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo
Manifestanti a Parigi.

Altri sviluppi

La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

Questo contenuto è stato pubblicato al Sabato diverse migliaia di persone hanno manifestato in Francia per invocare una rivolta "repubblicana" contro l'estrema destra, che potrebbe salire al potere nelle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio.

Di più La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.
La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR