Navigation

Dati, "protezione insufficiente nell'amministrazione pubblica"

La Conferenza degli incaricati svizzeri per la protezione dei dati (privatim) mette in guardia da un crescente rischio per la sicurezza nell'Amministrazione pubblica elvetica. Corpi di polizia, ospedali, uffici cantonali delle contribuzioni,... Secondo gli esperti i mezzi non sono sufficienti per tenere il passo della svolta digitale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 giugno 2018 - 21:06
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (tg del 22.06.2018)
Contenuto esterno


La digitalizzazione nell'Amministrazione pubblica viene portata avanti, ma alla protezione dei dati non è stata data abbastanza rilevanza, si legge in un comunicato di privatimLink esterno.

Altri 200 impieghi andrebbero creati per garantire la sicurezza, secondo privatim. Keystone

Manca ad esempio un adeguato calcolo dei rischi e l'utilizzo di tecnologie idonee è scarso. Più in generale, la protezione dei dati non è stata inserita nei processi decisionali, con una conseguente mancanza di fondi.

Tutto ciò porta a grandi rischi. L'aumento della quantità di dati e i sistemi informatici sempre più complessi, così come la sempre maggiore dipendenza dal digitale, porta a elevati pericoli cibernetici con potenziali abusi di dati personali.

Molte autorità cantonali incaricate della protezione dei dati hanno così pochi mezzi che riescono a coprire solo una frazione dei loro compiti. Già oggi non sono quindi più in grado di percepire le reali azioni necessarie per proteggere i cittadini. 

Per questo - conclude privatim - urge un drastico aumento dei mezzi a disposizione, con almeno 200 posti supplementari necessari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.