Navigation

Si parla ancora di amnistia fiscale

Con l'introduzione dello scambio automatico d'informazioni, le autorità fiscali elvetiche potrebbero venire a conoscenza di conti finora non dichiarati di cittadini svizzeri all'estero

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2015 - 14:42

Si torna a parlare di un'amnistia fiscale generalizzata in Svizzera. Lo fa dalle colonne dei domenicali la consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, secondo cui l'introduzione dello scambio automatico d'informazioni pone il problema di poter regolarizzare fondi non dichiarati anche di cittadini svizzeri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.