Navigation

Scuola reclute solo con tamponi negativi

La salute prima di tutto anche nell'esercito. In questo modo si intende garantire che il virus non venga trasmesso dall'ambito civile all'ambiente militare e viceversa. Keystone / Pablo Gianinazzi

Per motivi sanitari, i circa 11'200 giovani e i 2500 quadri attesi il 17 di gennaio per l'inizio della scuola reclute dovranno essere risultati negativi a un test Covid PCR o un test antigenico rapido per poter entrare in servizio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2021 - 13:22
tvsvizzera.it/fra con Keystone-ATS

Il Dipartimento federale della difesa (DDPS) si sottolinea che almeno per gennaio saranno sospesi congedi e libere uscite per le scuole reclute, le formazioni di militari in ferma continuata e per chi svolge un corso di ripetizione.

I test PCR in vista della scuola reclute invernale 2022 hanno validità 72 ore e quelli antigenici rapidi, 24 ore. I futuri soldati sono stati avvertiti per lettera: dovranno sottoporsi al test presso il loro medico di famiglia o un apposito centro. L'Esercito rimborserà le spese.

Le persone che presentano un risultato positivo e/o i sintomi della malattia devono rimanere a casa, mettersi in isolamento secondo le prescrizioni del servizio medico cantonale e informare il proprio comando di scuola, precisa il comunicato. Fino al momento della guarigione, se il loro stato di salute lo consentirà cominceranno il servizio in modalità Distance Learning.

Quale misure preventiva supplementare, per le scuole reclute, le scuole per i quadri e i servizi di perfezionamento della truppa è in vigore almeno per l'intero mese di gennaio una sospensione dei congedi e delle libere uscite. La revoca di tale misura dipenderà dallo sviluppo della situazione epidemiologica. In questo modo si intende garantire che il virus non venga trasmesso dall'ambito civile all'ambiente militare e viceversa.

Tale provvedimento consentirà anche di avere a disposizione tempo a sufficienza per svolgere test regolari durante il servizio e ottenere così una panoramica completa sullo stato di salute della truppa.

L'Esercito, quale ulteriore misura di protezione, prende nuovamente in considerazione anche la possibilità di un'entrata in servizio scaglionata per la scuola reclute invernale; ciò significherebbe un periodo iniziale in modalità Distance Learning per una parte dei quadri e delle reclute. Questa variante è già stata applicata un anno fa. Una decisioni verrà presa all'inizio del 2022.

Contenuto esterno


 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?