Scambio automatico Riemersi patrimoni per 6 miliardi nel 2019

Non sempre sono i capitali stranieri depositati in Svizzera, a fare notizia. Nel 2019, le autorità fiscali dei 26 cantoni hanno fatto emergere patrimoni non dichiarati di contribuenti svizzeri -in buona parte depositati all'estero- per 6 miliardi di franchi. Fondi che sono emersi per effetto diretto, o preventivo, dello scambio automatico di informazioni.

Un centro città di grattacieli in acciaio e vetro visto dalla sponda opposta di un canale; una donna seduta a riva

Con Hong Kong e Singapore (immagine d'archivio) la Svizzera applica lo scambio automatico sulla base di accordi bilaterali specifici.

Keystone / Wong Maye-e

Secondo un sondaggio della Radiotelevisione svizzero-tedesca SRF, tra autodenunce dei contribuenti e informazioni provenienti da 75 PaesiLink esterno, le sole casse del canton Zurigo hanno visto riaffiorare 1 miliardo e 300 milioni -sui quali d'ora in poi saranno pagate le tasse. Segue il Ticino, con 969 milioni. 

L'autodenuncia esente da penaLink esterno (che prevede solo il rimborso dell'imposta dovuta con i relativi interessi) è un'opzione che esiste da dieci anni. Negli ultimi quattro, oltre 100'000 contribuenti ne hanno fatto uso. La vera svolta è stata però l'entrata in vigore dello scambio automatico di informazioniLink esterno bancarie, che ha spinto molti di essi a dichiarare ciò che possedevano in nero, prima che fossero le autorità a scoprirlo e infliggere le relative sanzioni.

Un grafico spiega come funziona lo scambio automatico di informazioni e quali info vengono scambiate
Dipartimento federale delle finanze

Le autorità fiscali svizzere hanno ricevuto dall'estero, in tutto, informazioni su 2,4 milioni di conti di contribuenti svizzeri.


Parole chiave