Navigation

Sarà inchiesta contro Volkswagen e Amag

Il Tribunale penale federale accoglie un ricorso contro la decisione di non luogo a procedere dell'MPC

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 dicembre 2016 - 20:57

Il Tribunale penale federale (TPF) ordina l'apertura di un procedimento penale in Svizzera nei confronti di Volkswagen AG e Amag (la società svizzera che importa le auto tedesche) rimaste coinvolte nello scandalo denominato "dieselgate". Annulla, così facendo, una decisione di non luogo a procedere del Ministero pubblico della Confederazione (MPC).

Viene così accolto il ricorso collettivo promosso dalle 596 persone che avevano inoltrato denuncia penale nei confronti delle due aziende.

Di fatto la massima istanza giudiziaria del paese chiede quindi all'MPC di procedere quanto prima a misure istruttorie (perquisizioni e confische di documenti) presso le due aziende.

TG/RSINEWS/ATS/SP

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.