Navigation

L'allarme degli ospedali, penuria di posti in cure intense

Keystone / Gaetan Bally

I letti nelle unità di terapie intense stanno divenendo rari, il personale di cura è giunto ai suoi limiti e da ottobre sono stati rinviati oltre 4'000 interventi chirurgici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 dicembre 2020 - 09:52
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 14.12.2020)

A lanciare l'allarme sull'evoluzione dell'epidemia di Covid-19 sono i cinque ospedali universitari svizzeri in una lettera inviata al ministro della sanità Alain Berset secondo il quale bisogna prendere "molto sul serio" i timori espressi dagli operatori del settore.

I nosocomi elvetici, che chiedono misure più severe di quelle attualmente in vigore, sono infatti preoccupati per un'eventuale nuova ondata di contagi dopo Natale che secondo loro porterebbe inevitabilmente al collasso del sistema.

Il servizio del TG:

Contenuto esterno

Se la diffusione della malattia non rallenterà il governo federale annuncerà nuove misure venerdì "ma dichiarare nuovamente la situazione straordinaria non servirà a nulla", ha spiegato alla Radiotelevisione svizzera RTS Alain Berset, secondo il quale "abbiamo tutti i mezzi per agire nel quadro attuale e bisogna farlo d'intesa con i Cantoni".

In proposito, ha aggiunto, "abbiamo adottato misure venerdì" e il Consiglio federale adegua costantemente la sua strategia in funzione dell'andamento della pandemia.

Berna ritiene di non aver perso il controllo ma la situazione è "sufficientemente seria da dover stare molto attenti nei prossimi giorni", ha sottolineato il ministro friburghese, che ha confermato l'inizio della campagna di vaccinazioni in gennaio.

"Non siamo in una situazione in cui abbiamo perso il controllo, ma in una situazione sufficientemente seria da dover stare molto attenti nei prossimi giorni", ha aggiunto il ministro friburghese. Ma "non bisogna attendersi subito un miracolo dai vaccini", poiché ci vorrà del tempo e "dovremo uscire da quest'inverno con le nostre proprie forze".

Come è noto infatti servono due dosi per la maggior parte di farmaci immunizzanti contro il virus Sars-cov2 in fase di autorizzazione in queste settimane da parte di Swissmedic (e Ema). "E non si potrà vaccinare migliaia di persone fin dai primi giorni".

tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 14.12.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.