Navigation

Salez, perquisita la casa dell'aggressore

Attacco sul treno: il 27enne risiedeva in Liechtenstein. Una ragazza resta in gravi condizioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 agosto 2016 - 14:39

La polizia ha perquisito l'alloggio nel Liechtenstein dove abitava l'autore, deceduto, dell'aggressione di sabato pomeriggio su un treno nel canton San Gallo. In realtà era domiciliato in un cantone confinante con San Gallo ma per praticità aveva un appartamento nel principato, dove lavorava presso un fornitore di ricambi d'auto

Intanto una bambina di 6 anni e due donne di 17 e 43 anni sono ricoverate in cliniche specializzate nella cura di ustioni. La ferita più grave è la ragazza di 17 anni che resta in condizioni critiche. Feriti, ma in modo meno grave, due uomini. Sabato è morta una 34enne all'ospedale, vittima anch'essa del 27enne. I motivi dell'azione restano ignoti ma si esclude una pista terroristica.

La Schweizerische Südostbahn (SOB) intende potenziare la sicurezza dopo il tragico avvenimento. Il presidente del CdA della SOB esprime dolore per quanto successo e afferma che tutte le misure possibili saranno prese per evitare altre tragedie.

Tutte le altre news su www.rsi.ch Link esterno

RedMM(ats//mas

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.