Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Salari da rivedere Il governo pronto a sostenere lo sport professionistico

Il Consiglio federale viene incontro ai club professionistici di hockey su ghiaccio e calcio. Per garantire anche la prossima stagione, l'esecutivo ha messo a disposizione un importo complessivo di 350 milioni di franchi. In cambio, i club si sono impegnati a ridurre di un quinto gli ingaggi dei giocatori nei prossimi tre anni. Importanti sostegni anche per gli sport cosiddetti 'minori'.

LA Resega di Lugano completamente vuota con i giocatori pronti per l'ultima partita giocata dell'anno.

L'ultima partita di Hockey è stata giocata a porte chiuse. La prossima stagione, o parte di essa, sarà giocata senza pubblico. Un danno economico importate per le società.

(Keystone / Samuel Golay)

Il pacchetto di stabilizzazione a favore dello sport svizzero è stato presentato dalla responsabile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) Viola Amherd. Società locali, club di professionisti e associazioni sono minacciate dalle conseguenze della pandemia a livello di vendita di biglietti e abbonamenti, possibilità di organizzare manifestazioni ed eventuali disdette da parte di sponsor.

"Si tratta di un settore che, con una discrepanza temporale rispetto all'economia, risentirà in modo grave e duraturo del momento difficile, come mostra l'esperienza raccolta nel corso delle precedenti crisi", ha detto Amherd, che si è rivolta ai media al termine della seduta dell'esecutivo. Ciò è dovuto per esempio alla forte dipendenza dai diritti televisivi. Direttamente o indirettamente, 100'000 posti di lavoro sono legati allo sport. In termini di PIL, si parla dell'1,7% del totale.

Due fasi

I 350 milioni da destinare ai due maggiori sport di squadra del Paese si suddividono in due crediti da 175 milioni ciascuno. In una fase iniziale è previsto il versamento della prima metà per compensare le perdite di guadagno dal primo giugno ai successivi sei mesi. Nel caso in cui le partite dovessero aver luogo solo in misura limitata per un periodo di 12 mesi, sarà liberata anche la seconda serie di prestiti. In entrambi i casi, per il calcio sono a disposizione a 100 milioni, per l'hockey 75.

L'iniezione di crediti è comunque subordinata a un certo numero di condizioni da soddisfare, ha precisato la numero uno del DDPS. Non devono essere utilizzati per finanziare gli stipendi superiori alla media dei giocatori e dovrà essere creato un fondo di sicurezza solidale per i rischi futuri. Le attività in favore delle nuove leve andranno proseguite come prima.

Il monte ingaggi dovrà scendere nei prossimi tre anni, con un taglio del 20% della media dei salari.

Fine della citazione

Riduzione della massa salariale

I club hanno accettato di fare la loro parte. Il monte ingaggi dovrà scendere nei prossimi tre anni, con un taglio del 20% della media dei salari. "Vigileremo sul rispetto di questo impegno", ha assicurato la consigliera federale.

La prima tranche di prestiti andrà restituita entro cinque anni, la seconda entro dieci. Le somme saranno prive di tassi d'interesse per i prossimi due anni, mentre dal 2023 il tasso sarà di almeno l'1%.

Soldi per altri sport e federazioni internazionali

Il governo sosterrà inoltre lo sport di massa e gli altri sport di competizione. Dopo aver già approvato il 20 marzo il versamento di 50 milioni a fondo perso per società e organizzazioni in difficoltà finanziarie, prevede di erogare ulteriori 50 milioni nel 2020 e di iscriverne altri 100 nel preventivo 2021. L'obiettivo è impedire che le strutture, in larga misura basate sul volontariato, subiscano danni duraturi. 

"In Svizzera hanno anche la propria sede una sessantina di organizzazioni sportive internazionali", ha poi ricordato Amherd. L'annullamento di grandi eventi prospetta per alcune di esse il pericolo di insolvenza. Il DDPS deve ancora sondare il terreno, ma anche in questo caso si prevede la concessione di un prestito restituibile, che secondo la ministra ammonterà globalmente a 150 milioni: il Comitato olimpico internazionale (CIO) parteciperà al sostegno nella misura del 50%, mentre l'altra metà sarà coperta dai Cantoni che ospitano le federazioni e dalla Confederazione. Il provvedimento non riguarda organi con le tasche piene come la FIFA, l'UEFA o lo stesso CIO.

Ecco le reazioni dei presidenti delle due federazioni sportive più importanti in Svizzera:

sport

Reazioni di hockey e calcio

tvsvizzera.it/fra con RSI

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box