Navigation

Salari: la forbice s'allarga

Tidjane Thiam, il campione svizzero, denuncia Travail.Suisse keystone

Secondo Travail.Suisse, l'iniziativa contro le retribuzioni abusive sarebbe inefficace

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 giugno 2016 - 10:56

L'iniziativa contro le retribuzioni abusive non ha portato ad alcun risultato e il divario salariale s'è allargato come non mai in questi ultimi cinque anni.

È la "preoccupante" constatazione cui giunge il sindacato Travail.Suisse sulla base dei dati forniti dalla sua 12ma inchiesta sul tema in occasione della quale sono state poste sotto la lente 27 aziende. Ne è emerso che gli imprenditori s'accordano compensi sempre più consistenti (+9% in media nel 2015, con in testa il numero uno del Credit Suisse Tidjane Thiam, il cui onorario è lievitato del 117%, per raggiungere gli oltre 20 milioni di franchi), mentre all'altro capo della scala s'accentua la pressione sulla paga, complici l'insicurezza e la paura di perdere l'impiego.

Il mondo politico è quindi invitato a reagire, in particolare, come si legge nella nota diramata lunedì, intervenendo sulle disposizioni di legge inerenti le società anonime e istituendo prelievi sugli alti redditi da destinare a un fondo di solidarietà.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.