Navigation

Ritorna lo sciopero per il clima

Con l'apertura delle scuole è tornato anche lo sciopero per il clima, il primo in Svizzera dopo lo scoppio della pandemia. Keystone / Cyril Zingaro

Con l'inizio delle scuole in Ticino questa settimana, in tutti i cantoni si è tornati sui banchi di scuola. E con essa, puntuali, sono iniziati anche gli scioperi dei giovani per il clima.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 settembre 2020 - 21:30

Per la prima volta dall'inizio dell'epidemia di coronavirus il movimento Sciopero del clima è tornato oggi pomeriggio sulle strade. Manifestazioni si sono tenute in 17 città della Svizzera.

L'organizzazione, nell'annunciare le manifestazioni, ha affermato di sentirsi abbandonata dalla politica: "la destra ci insulta e si prende gioco di noi, la sinistra ci usa e mente", viene sottolineato in un comunicato.

I manifestanti chiedono di essere finalmente presi sul serio, per "avere un futuro su un pianeta abitabile". Le proteste hanno avuto luogo a Berna, Friburgo, Zurigo, Uster, Lucerna, Losanna, San Gallo, Interlaken, Ginevra, Neuchâtel, Delémont, Sciaffusa, Altdorf, Basilea, Olten, Bienne e Winterthur.

Il servizio del Telegiornale:

Contenuto esterno




tvsvizzera-it/fra con RSI
 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.