Navigation

Rifugiati per l'agricoltura

keystone

Un progetto pilota sarà organizzato in Svizzera a partire dall'anno prossimo

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 agosto 2014 - 21:09

L'agricoltura svizzera dovrebbe impiegare più profughi e un progetto pilota in questo senso sarà organizzato a partire dall'anno prossimo. L'accordo è stato raggiunto tra il direttore dell'Ufficio federale della migrazione, Mario Gattiker, e Jacques Bourgeois, direttore dell'Unione svizzera dei contadini.

Le discussioni si sono svolte nell'ambito dell'applicazione dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa, nell'ottica di sfruttare meglio il potenziale di manodopera in Svizzera.

Il progetto riguarda solo i rifugiati già ammessi nel paese e non le persone per cui la richiesta d'asilo è ancora pendente. Il Governo stima che si tratti di 14'000 individui che potrebbero sostituire una parte della manodopera attiva nell'agricoltura, che oggi proviene principalmente dall'Europa meridionale e orientale.

ATS/sf

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.