Navigation

Una lettera aperta per la liberazione di Natallia Hersche

Una manifestazione di donne bielorusse come quella cui prese parte Natallia Hersche [immagine d'archivio]. Keystone / Tatyana Zenkovich

Parlamentari federali di tutti i partiti svizzeri chiedono in una lettera aperta al ministro degli esteri della Bielorussia la liberazione di Natallia Hersche, cittadina svizzera e bielorussa condannata in dicembre a Minsk a due anni e mezzo di reclusione per presunta resistenza all'autorità statale. Gli 83 deputati sollecitano inoltre la fine della repressione e degli arresti di manifestanti pacifici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2021 - 21:00

La missiva è stata scritta e inviata a Vladimir Makei in vista del processo d'appello contro Hersche previsto per il 16 febbraio, indica l'organizzazione per i diritti umani Libereco giovedì. In primo grado, la donna è stata condannata per aver partecipato a una delle manifestazioni pacifiche contro la rielezione del presidente Alexander Lukaschenko.

Stando a informazioni di Libereco, attualmente sono incarcerati in Bielorussia oltre 240 prigionieri politici. In 70 casi sono già state inflitte pene di complessivamente 220 anni di reclusione.

End of insertion

Con la sua partecipazione a una marcia delle donne il 19 settembre scorso, Natallia Hersche ha soltanto esercitato il proprio diritto democratico, si legge nella nota dell'ong. La pena inflittale in prima istanza le è stata comminata nell'ambito di un procedimento ingiusto, aggiunge l'organizzazione, che chiede pertanto la revoca della condanna e la liberazione della donna.

Un procedimento che è stato criticato anche dal Dipartimento federale degli affari esteri, il cui responsabile -il consigliere federale Ignazio Cassis- la settimana scorsa ha definito "drastico" il trattamento riservato a Hersche. "Continuiamo a sollevare il caso con l'ambasciatore bielorusso. Siamo attivi a tutti i livelli della gerarchia per assicurare che la signora Hersche sia rilasciata rapidamente", ha assicurato il ministro.

In novembre, Libereco aveva presentato al DFAE una petizione con 9'500 firme che chiedeva a Cassis di rivolgersi direttamente al presidente bielorusso Alexander Lukashenko per il rilascio della prigioniera. La richiesta era stata accompagnata da due veglie organizzate a Berna.

Contenuto esterno

Nel servizio RSI, le immagini della manifestazione di settembre, i dettagli sull'arresto dell'imputata e sulla sua difesa in aula, e l'intervista al portavoce di Libereco.

Il processo d'appello sarà seguito dall'ambasciatore elvetico sul posto Claude Altermatt, che in autunno ha fatto visita in prigione a Natallia Hersche.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 11.02.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.