Navigation

Cosa cambia per gli svizzeri dopo la Brexit

Dalla mezzanotte di sabato, ora di Bruxelles, il Regno Unito non farà più parte dell'UE. Cosa cambierà per gli svizzeri che vivono oltremanica, o che dal 1° febbraio vorranno andarci, per lavoro o per piacere? Qualche risposta qui.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 gennaio 2020 - 14:50
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 28.01.2020)
Apparentemente, sono sempre di più gli expat svizzeri che a fine carriera valutano seriamente di lasciare le sponde del Tamigi. Keystone / Daniel Leal-olivas

"Per la Svizzera, i suoi cittadini e gli operatori economici, non cambia nulla", chiarisce Alexandre Fasel, ambasciatore svizzero nel Regno Unito. A chi vorrà intraprendere un viaggio non servirà un visto per entrare nei rispettivi Paesi.

L'opuscolo scaricabile sul sito del DFAE. DFAE

Del resto, mentre s'inizieranno i negoziati per definire le future relazioni tra Londra e Bruxelles, rimane garantita la libera circolazione di merci, capitali, servizi e persone, che in virtù degli accordi tra Svizzera e UE vale per i cittadini svizzeri come per quelli comunitari.

Per il futuro, spiega l'ambasciatore, gli obiettivi principali del governo elvetico sono "mantenere la qualità dei rapporti esistenti con il Regno Unito, e sviluppare le relazioni bilaterali".

Il problema: l'incertezza

Relazioni che saranno in gran parte da definire. Un'incertezza che frena gli imprenditori: due di essi, ai microfoni della RSI, parlano della scarsa propensione a fondare società o assumere collaboratori in un ambiente normativo non chiaro. Al punto da posticipare, nel dubbio, l'ingresso nel mercato britannico.

Ma anche molti singoli espatriati per lavoro parrebbero in bilico: "Alcuni nostri membri, a fine carriera, valutano sempre più seriamente se tornare a casa", riferisce il presidente del City Swiss Club London, Reto Jauch. "Si fanno domande sui servizi e la pensione che riceveranno".

Contenuto esterno

Le importanti relazioni tra Svizzera e Regno Unito, conferma una scheda informativaLink esterno del Dipartimento federale degli affari esteri DFAE, si basano oggi in gran parte sugli accordi bilaterali Svizzera-UE. Dopo la Brexit, fatto salvo il periodo transitorio, essi non saranno più applicabili.

Perciò è stata varata la strategia 'Mind the gap', che mira a conservare e -dove possibile- estendere i diritti e gli obblighi reciproci, attraverso una serie di nuovi accordi con Londra.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.