Navigation

I diritti umani hanno e avranno un ruolo centrale

Il responsabile del Dipartimento degli affari esteri Ignazio Cassis mentre spiega alla stampa la strategia elvetica per i prossimi anni con la Cina. Keystone / Anthony Anex

Il ministro degli esteri elvetico, il ticinese Ignazio Cassis, ha sottolineato che il tema dei diritti umani occuperà un posto centrale nei contatti bilaterali con la Cina nei prossimi anni.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 marzo 2021 - 20:48

Anche se ci sono differenze di valori importanti tra i due Paesi, non possiamo esimerci dal dialogare - anche criticamente - con la Cina, il nostro terzo partner commerciale e un attore di primo piano a livello politico ed economico mondiale. Voltare le spalle a Pechino, non farà migliorare la situazione in fatto di diritti umani.

Per questo è importante avere una strategia di approccio globale a questo Stato, ha affermato oggi davanti ai media il ministro degli esteri, Ignazio Cassis.

A tale riguardo, il consigliere federale ticinese ha ammesso che la situazione sul fronte dei diritti umani è peggiorata in Cina, specie per quanto attiene al rispetto delle minoranze da parte del regime autoritario di Pechino.

Strategia futura

La strategia ufficiale per la Cina - frutto di uno sforzo interdipartimentale - adottata dal Consiglio federale definisce gli obiettivi e le misure della politica svizzera nei confronti di questo Paese per gli anni 2021-2024.

Garantire una politica coerente nei confronti della Cina è fondamentale, secondo Cassis, tenuto conto non solo della sua ascesa, ma anche del fatto che questo paese è il terzo partner commerciale del nostro Paese, con quale intratteniamo relazioni diplomatiche da 70 anni, un dialogo sui diritti umani e col quale abbiamo firmato un accordo di libero scambio.

La Cina, insomma, è un attore ineludibile sullo scacchiere politico mondiale, passato dalla status di partner per l'Ue e gli Stati Uniti, a temibile concorrente. Cassis ha ricordato gli importanti investimenti cinesi in Svizzera, come i contatti di questo paese con Cantoni e Città, ma anche i forti interessi elvetici nel Paese asiatico.

L'intervista con il ministro degli esteri Ignazio Cassis:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/fra con RSI


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.