Navigation

Ragazzini di Winterthur finiti nell'Isis?

Il padre teme che si siano uniti ai ribelli musulmani dello Stato islamico in Siria

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 dicembre 2014 - 11:23

Due ragazzini di 15 e 16 anni di origine kosovara e residenti a Winterthur sono scomparsi. Il padre teme che si siano diretti in Siria per unirsi ai ribelli musulmani dello Stato Islamico. La polizia cantonale di Zurigo ritiene che, una volta giunti in aereo a Istanbul, i due studenti siano passati per Adana, città della Turchia meridionale a un centinaio di chilometri dal confine siriano.

Il genitore, che è immediatamente andato in Turchia per cercarli, ha spiegato che i suoi figli nati in Svizzera non sono integralisti. Sembra però che frequentassero la moschea di Embrach, nel canton Zurigo, dove si sospetta che siano stati accolti negli scorsi mesi militanti salafiti radicali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.