Navigation

Quattro mesi nelle moschee svizzere

Un giornalista in incognito porta alla luce la realtà dell'islamismo nella Confederazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2016 - 20:43

L'inchiesta svolta da un giornalista tedesco di origine pakistana. Per quattro mesi ha frequentato in incognito alcune moschee svizzere. Un racconto che è stato pubblicato dalla SonntagsZeitung e che Shams Ul-Haq (questo il nome del giornalista) ha ripercorso con noi, parlando anche della moschea di Winterthur, da più parti accusata di essere un luogo di radicalizzazione islamica.

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?