Navigation

Quando i profughi erano ungheresi

Intervista a Lajos Zehery, 89 anni, uno dei 14 mila che nel 1956 trovarono rifugio in Svizzera; la repressione sovietica ne mise in fuga 200 mila

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 settembre 2015 - 21:46

Giovedì la conferma: l'Ungheria ha iniziato la costruzione di una nuova barriera, alla frontiera con la Slovenia. Entrambi i paesi fanno parte dello spazio Schengen.

La politica del filo spinato portata avanti da Budapest sorprende molti osservatori, poiché dalla stessa Ungheria nel 1956 fuggirono 200 mila persone che trovarono rifugio negli altri paesi europei; 14mila in Svizzera.

Abbiamo incontrato uno di loro a San Gallo. Lajos Zehery, 89 anni, ne aveva 30 quando fuggì dal suo Paese.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.