Prova generale Mini-anteprima dalla Fête des vignerons

Arena affollata di pubblico e di figuranti vestiti con abiti stile contadino; donna vestita da libellula volteggia in aria

Il regista e coreografo Daniele Finzi Pasca ha firmato molti spettacoli internazionali e 3 cerimonie olimpiche (una a Torino 2006 e due a Sochi 2014).

Keystone / Laurent Gillieron

Si apre giovedì a Vevey, nel canton Vaud, la Fête des vignerons, l'unica celebrazione al mondo che si tiene ogni 20-25 anni. Patrimonio culturale immateriale dell'umanità, la 12esima edizione della Festa dei viticoltori è attesa anche per lo spettacolo firmato dal regista e coreografo Daniele Finzi Pasca. Qualche immagine dalla prova generale.

Interpretato da migliaia di figuranti, è la storia di una bambina che seguendo il nonno nelle vigne entra in un mondo meraviglioso. Celebrerà la natura, il lavoro, la vigna e in definitiva la vita, in un'imponente arena da 20'000 spettatori costruita appositamente nella piazza del mercato di Vevey.

La Fête des vignerons, riconosciutaLink esterno patrimonio culturale immateriale dall'UNESCO, si tiene dal 1797 una sola volta per generazione. L'ultima, è stata nel 1999. La cittadina di Vevey, sul lago Lemano, si trova a ridosso dei vigneti terrazzati del Lavaux, regione a sua volta certificataLink esterno patrimonio mondiale dove da secoli si pratica la viticoltura, oggi in pieno rilancio come meta per turisti e amanti del vino.

La Fête ha un budget di 100 milioni di franchi. Sono attesi fino a un milione di visitatori.

Parole chiave