Navigation

Vietato abbandonare i sentieri per non disturbare i cervi

A Grüsch, un comune del cantone Grigioni, di notte è vietato uscire da strade e sentieri. L'obiettivo: proteggere la selvaggina.

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 marzo 2019 - 09:39
In inverno la selvaggina ha bisogno di molta più energia per fuggire. Keystone / Arno Balzarini


Le corna che i cervi perdono in questo periodo dell'anno sono un trofeo ambito da molti appassionati. Il problema è però che i cosiddetti raccoglitori di corna disturbano la fauna. E questo in un momento in cui gli animali escono lentamente dall'inverno.

"In inverno, la selvaggina ha bisogno un'energia fino a sette volte superiore per fuggire. Ciò può condurre alla morte per esaurimento", spiega al giornale Südostschweiz Heinz Guler, responsabile dei guardiacaccia nella regione della Prettigovia.

Per questa ragione, il comune grigionese di Grüsch ha introdotto per il secondo anno consecutivo un provvedimento assai singolare: dal 18 febbraio al 31 marzo è vietato abbandonare strade e sentieri dalle sette di sera alle sette di mattina. Le multe sono salate: da 1'000 franchi fino a 3'000 per i recidivi. La popolazione sembra rispettare la misura. L'anno scorso sono state multate tre persone, mentre quest'anno per il momento una sola.

Ma perché il divieto vale solo di notte? "Durante il giorno i raccoglitori di corna lavorano", rileva Marcel Conzett, sindaco della località grigionese, intervistato dalla Südostschweiz.

Grüsch è finora l’unico comune dei Grigioni ad aver adottato un simile provvedimento. Il suo esempio potrebbe però presto fare scuola.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.