Navigation

Coronavirus, manifestazione anti-restrizioni a Ginevra

Fischi davanti al Palazzo delle Nazioni Unite, lanciati soprattutto all'indirizzo dell'Oms. Keystone / Martial Trezzini

Come nella Svizzera tedesca, anche in quella francese cresce l'opposizione contro le misure di limitazione della libertà personale volte a contenere la propagazione del coronavirus. Nel pomeriggio di sabato un migliaio di persone si è riunito a Ginevra per protestare.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 settembre 2020 - 22:28

Diversi oratori si sono succeduti nel corso del pomeriggio su una tribuna allestita ai piedi della della sedia gigante situata nella Place des Nations, di fronte alla sede delle Nazioni Unite, per denunciare l'imposizione della mascherina, i resoconti giornalistici a loro avviso falsi e le misure coercitive adottate dal mondo politico.

Molte le bandiere che sventolavano sopra la folla: quella svizzera, naturalmente, e quelle dei cantoni francofoni, ma anche il tricolore francese, la bandiera statunitense e quella della Svezia, un paese che non ha limitato la libertà della sua popolazione e non ha imposto l'uso di mascherine per affrontare la pandemia.

Tra i manifestanti, solo una piccolissima minoranza indossava una protezione di bocca e naso. Questo nonostante il fatto che il Movimento svizzero per la libertà dei cittadini, che ha organizzato il raduno, avesse avvertito di aver ricevuto istruzioni dalle autorità sull'obbligo di indossare la mascherina. Alcuni hanno peraltro fatto ricorso all'ironia, indossando una maschera antigas.

I dimostranti hanno scandito regolarmente la parola libertà. Fischi sono stati lanciati all'indirizzo dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), situata non molto lontano, rea - agli occhi dei dimostranti - di aver voluto imporre vaccinazioni e medicinali in tutto il mondo e di essere manipolata da chi ha precisi interessi.

Diversi oratori si sono difesi dall'accusa di essere estremisti di destra, cospiratori, razzisti o psicopatici. A loro avviso si tratta solo di mobilitarsi per uscire da una situazione definita sconcertante e per tornare a una vita degna di essere vissuta: dove sia possibile "respirare e muoversi liberamente".

Il servizio del TG:

Contenuto esterno


tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 12.09.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.