Navigation

Profughi ospitati da famiglie, il progetto funziona

L'iniziativa promossa dall'Organizzazione svizzera d'aiuto ai rifugiati si sta diffondendo in numerosi cantoni

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2016 - 21:10

Si sta rivelando efficace il progetto pilota condotto dall'Organizzazione svizzera d'aiuto ai rifugiati (OSAR) finalizzato a collocare i profughi presso famiglie residenti. In tre anni sono state circa 400 le persone accolte da privati e il loro numero è destinato a salire sensibilmente.

Da parte loro i responsabili dell'associazione sottolineano che la loro iniziativa non si limita a mettere a disposizione degli immigrati una camera e un letto ma si inserisce in un progetto più vasto di integrazione.

E numerosi cantoni hanno avviato autonomamente analoghe iniziative e attualmente si stima che il 3-4 per cento dei richiedenti asilo in Svizzera vivono in famiglie di accoglienza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.