Navigation

Ecco la casa progettata, costruita e gestita con processi digitali

La prima abitazione al mondo progettata, costruita e gestita con processi digitali, è stata inaugurata mercoledì a Dübendorf, nel sito del laboratorio federale EMPA (lo stesso laboratorio che ha esaminato parte dei resti del ponte Morandi di Genova).

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2019 - 09:04
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Una casa intelligente realizzata dai ricercatori del Politecnico di Zurigo (ETHZ) utilizzando robot e stampanti 3D, che prevede anche sistemi intelligenti per la gestione dell'energia o il controllo vocale degli elettrodomestici, e che verrà presto abitata da alcuni ricercatori. Per la sua realizzazione hanno collaborato studiosi di 8 cattedre diverse dell'ateneo federale e 30 aziende.

"Utilizzare processi digitali significa che molto cambia rispetto ai metodi tradizionali", ha spiegato Matthias Kohler, professore di architettura e costruzione digitale dell'ETHZ. "La progettazione avviene al computer. In parte così si programma l'architettura. Cambia la costruzione, perché utilizziamo stampanti 3D e robot, c'è una nuova estetica architettonica."

Forme innovative

I robot hanno permesso la costruzione di muri dalle forme nuove, con impiego diverso del materiale. Nuove geometrie e tecnologie innovative anche per l'uso del legno, moduli assemblati da robot che interagiscono fra loro. Forme complesse, solette incredibilmente sottili, cavità impossibili da realizzare con i metodi tradizionali, ottimizzazione della statica.

"Tutto è anche più ecologico", aggiunge Kohler. "Mettiamo il materiale solo dove è necessario, così ne risparmiamo molto. La parete ondulata ad esempio non ha avuto bisogno della struttura di contenimento del calcestruzzo. Il soffitto necessita solo di un terzo del materiale utilizzato per una costruzione tradizionale."

L'edilizia digitale renderà superflui anche muratori, falegnami e artigiani? "Il muratore forse lavorerà con l'ipad, con il computer", dice Gianluca Bona, direttore dell'EMPA.  "Forse farà un po' meno con le sue mani, ma dovrà sempre conoscere i materiali, i processi e dirigerli."

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.