Navigation

Anziana morta a Caslano, arrestato il nipote

Un 23enne è stato arrestato in Ticino con l'accusa di assassinio. La vittima è la nonna del sospettato il quale avrebbe colpito l'anziana alla testa prima di appiccare un incendio nell'abitazione dell'81enne a Caslano.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 luglio 2018 - 20:20
tvsvizzera.it/Zz con RSI (Quotidiano del 09.07.2018)
Contenuto esterno


Il ritrovamento della donna aveva sconvolto la comunità di Caslano, dove l'anziana era molto conosciuta e benvoluta. L'arresto del nipote è avvenuto venerdì ed è stato reso noto lunedì dalla polizia.

Le forze dell'ordine hanno precisato che il 23enne "ha sostanzialmente ammesso i fatti", anche se molti aspetti devono essere ancora chiariti. Le indagini hanno potuto appurare che l'81enne è stata colpita alla testa con un oggetto contundente prima che venisse appiccato il fuoco alla sua abitazione, presumibilmente per tentare di nascondere le tracce dell'aggressione.

Le accuse nei confronti del giovane, il familiare più prossimo alla vittima in quanto i due figli della signora vivono all'estero, sono quelle di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, turbamento della pace dei defunti e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.