La televisione svizzera per l’Italia

Presidente governi Cantoni alpini, “non abbandoneremo intere valli”

Carmelia Maissen
Carmelia Maissen Keystone / Yanik Buerkli

La presidente della Conferenza dei governi dei cantoni alpini (CGCA) Carmelia Maissen ha messo in guardia da una "visione cinica e a corto termine" in relazione all'abbandono di vallate di montagna.

In un’intervista alla “NZZ am Sonntag”, la consigliera di Stato grigionese (Alleanza del Centro) ha affermato che potrebbero esserci singoli casi di reinsediamento. “Ma non rinunceremo certo a intere valli”, ha detto Maissen.

È comunque un dato di fatto che il popolamento è sempre stato soggetto a cambiamenti, e sarà così anche in futuro. Le aree di insediamento e le infrastrutture sono aumentate negli ultimi anni e di conseguenza sono diventate più vulnerabili, ha spiegato la presidente della CGCA.

Non bisogna però dimenticare che “gli ultimi giorni hanno pure dimostrato che abbiamo fatto davvero molte cose giuste negli ultimi 50 anni”, ha detto Maissen. A suo dire ora è il momento di analizzare le intemperie. Tenendo conto degli scenari climatici, è necessario valutare con lungimiranza dove si trovano i punti deboli.

Anche per David Bresch, professore al Politecnico federale di Zurigo (ETH), la discussione non riguarda solo aspetti finanziari, ma anche emozioni. In un’intervista alla “SonntagsZeitung” ha affermato che il riscaldamento globale non è ancora stato preso in considerazione nell’elaborazione delle mappe dei pericoli. Ciò deve cambiare.

“Finché il riscaldamento globale continuerà, le evacuazioni aumenteranno”, ha sottolineato lo specialista di rischi meteorologici e climatici. Il fenomeno non è nuovo e i danni aumenteranno.

Secondo Bresch non è possibile generalizzare l’onere finanziario per le misure di protezione di un’area. Tuttavia, la questione si pone per singole zone molto esposte. Il professore ha poi lanciato un appello alla responsabilità personale: “bisogna anche chiedersi onestamente: perché sono qui, perché ho comprato questa proprietà?”.

La discussione sul reinsediamento è condotta da una prospettiva puramente finanziaria, ha criticato Maissen. La presidente della Conferenza intergovernativa dei cantoni di Uri, Obvaldo, Nidvaldo, Glarona, Appenzello Interno, Grigioni, Ticino e Vallese ha affermato che il trasferimento rappresenterebbe un duro colpo per le persone interessate.

Oltre alla popolazione di montagna, ha sottolineato, viene trascurato anche il contributo delle regioni montane all’intero paese: produzione di energia elettrica, infrastrutture di trasporto e di approvvigionamento e aree ricreative. L’insediamento decentrato è sancito dalla Costituzione federale. “Dobbiamo quindi fare tutto quanto possibile e sensato per garantire che ciò rimanga così”, ha dichiarato Maissen.

Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR