La televisione svizzera per l’Italia

Presa d’ostaggi sul treno, nessun movente terroristico

Due agenti della polizia cantonale vodese davanti al treno, teatro della presa d ostaggi.
Il sequestratore sarebbe un richiedente l'asilo di 32 anni di nazionalità iraniana. Tuttavia la sua identità non è ancora stata accertata con assoluta certezza. © Keystone / Laurent Gillieron

Presa d'ostaggi sul treno regionale della linea Yverdon - Sainte-Croix, nel canton Vaud: il movente terroristico "non è chiaramente" privilegiato. Le indagini proseguono per chiarire le circostanze dell'attacco.

“Nessun elemento ci fa pensare che si tratti di un atto di terrorismo (…) né jihadista”, ha dichiarato venerdì mattina il portavoce della polizia cantonale vodese Jean-Christophe Sauterel.

La presa di ostaggi è durata quasi quattro ore e si è conclusa con la morte dell’assalitore, ucciso dalla polizia. L’aggressore era armato di un’ascia e di un coltello e sarebbe un richiedente l’asilo iraniano di 32 anni. I 15 ostaggi sono usciti illesi dall’eseperienza traumatica. Ulteriori informazioni sono attese in giornata, ha aggiunto la polizia.

Contenuto esterno

Secondo i video che circolano sui social network, esplosioni sono avvenute vicino al treno regionale, che si era fermato nei pressi di Essert-sous-Champvent (Canton Vaud). “L’obiettivo era quello di creare un diversivo al momento dell’assalto”, ha spiegato Sauterel.

Sul posto sono intervenuti oltre 60 agenti di polizia, compresi i cecchini della polizia cantonale ginevrina. Nell’ambito della collaborazione tra le forze di polizia, Ginevra “fornisce questa specializzazione”.

La reazione del Governo

“La popolazione ha il diritto di vivere in sicurezza. Auguro alle persone colpite e alle loro famiglie di avere la forza e il coraggio di superare questi eventi”. Così si è espresso su X il consigliere federale Beat Jans.

Contenuto esterno

Il capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia ha aggiunto che la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) analizzerà il caso e le possibili conseguenze con i cantoni interessati: il sequestratore sarebbe un richiedente l’asilo di 32 anni di nazionalità iraniana, attribuito al Canton Neuchâtel. Tuttavia, secondo la polizia vodese, la sua identità non è ancora stata accertata con assoluta certezza


Attualità

Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR